Il B&B

Lettera agli ospiti

Cari visitatori, nel preparare questo il sito web del mio B&B Il fiore della Vita ho voluto includere una dedica alla mia cittadina, Melfi. La mia mente è stata pervasa da un unico pensiero: come riuscire a far conoscere e apprezzare le meraviglie di cui il mio paese è pregno. 
Sono partito dall’essere io stesso un viaggiatore; si chiude la borsa si rallenta il cervello e si dà nuovamente vita all’armonia completa. Come se si fosse avvolti dai propri sensi, lasciandosi guidare dolcemente e lentamente dai profumi, dai colori, dai sapori di quanto ci viene incontro durante il viaggio, a partire dal primo caffè preso sotto casa dopo aver chiuso la borsa.
Allora datemi la mano, su venite con me! Vi porterò con dolcezza e semplicità nel mondo dei miei avi. Visiteremo Castelli, Chiese, Palazzi, Parchi, Boschi, Laghi e Monti. Ci tufferemo in prelibatezze e convivialità d’altri tempi.
Sarà cosi bello ed intenso che a sera cercherete un letto confortevole che abbracciandovi vi culli fino all’abbandono in un sano sonno riposante.

Dedica a Melfi di Pasquale Sportiello

Melfi, la mia città sconosciuta

Eravamo un manipolo di ragazzini, e si era nella tarda età adolescenziale, quando iniziammo. Fino alla giovinezza e come tutti i nostri coetanei eravamo proiettati nella vita, nel futuro, la scuola ci supportava e noi ci innamorammo della nostra cittadina. 

Il nostro amore ci portò verso la conoscenza, per sommi capi, del passato storico di Melfi. Il nostro sapere veniva prontamente testato allorquando orde di scolaresche, gruppi o singoli turisti si imbattevano in noi tra le vie e le piazze del centro storico.
Pochi erano italiani, perlopiù incontravamo francesi e tedeschi, raramente qualche inglese, tutti ugualmente persi e senza bussola. 

Come buoni padroni di casa, iniziammo per divertimento a dare indicazioni, che,  arricchite di contenuti nel tempo, ci trasformarono in  vere e proprie guide turistiche. 

Mano a mano ci si ritrovava ad accompagnare, informare, illustrare e ad indicare trattorie, alberghi e eventuali tappe successive una volta ripartiti da Melfi.
Con delle leggere differenze: eravamo molto giovani e non prendevamo danaro. 

Come tanti meridionali anche noi fummo costretti a partire, causa lavoro.
Il mio lungo esilio ha avuto il suo fine con l’ultimo quindicennio nella città di Matera. Lì, con nuovi amici operanti nel comparto turistico, ho appreso di fatto conoscenze necessarie per operare nell’area dell’accoglienza. 

Il fato mi ha riportato a Melfi dove attualmente vivo e lavoro.
Ho con piacere notato il cambiamento di un po’ di cose nel mio vecchio paesello, ma non nel settore turistico, in ascesa come nel resto dell’area. 

Per questo ho voluto aprire Il fiore della vita, un piccolo Bed and Breakfast a gestione familiare, che mi permette di mettere a frutto le mie conoscenze e di diffondere l’amore che nutro per la mia città e la sua storia